Le città nelle quali è presente una Università hanno l’opportunità di accogliere le aspettative e l’energia che caratterizzano gli studenti universitari, auspicabilmente la parte più dinamica e con grande potenzialità della popolazione, in una dimensione locale, nazionale o internazionale. In alcuni casi, si tratta di persone nate e cresciute in quel territorio che completano il percorso formativo per migliorare le proprie opportunità di carriera e di crescita personale. In altri casi, sono persone che scelgono quella Università e anche quella città, tra le diverse possibili, per raggiungere il medesimo scopo.

In ogni caso, l’impatto sulla comunità in termini sociali, economici, culturali, relazionali (e si potrebbe continuare) è alto. Gli studenti si aspettano generalmente di essere accolti con benevolenza, di integrarsi, di trovare soddisfazione alle proprie necessità non solo formative, di poter “crescere in pace ed autonomia” e, in alcuni casi, di contribuire attivamente alla vita cittadina e di entrare a far parte di quella comunità. La comunità cittadina reagisce a questo fenomeno in modo variegato, a seconda della propria storia, del contesto territoriale delle politiche di governo a livello locale.

La sessione si propone di approfondire quali sono gli elementi di successo per un rapporto proficuo tra “città” e “studenti”, dove si trovano le criticità più frequenti e quale possa essere il contributo dei diversi attori. Sulla base di una categorizzazione delle “città universitarie” che tiene conto della loro storia e delle dinamiche della popolazione, si cercherà di approfondire quali siano le caratteristiche principali degli studenti universitari, quali esperienze di ricerca permettono di migliorare il rapporto tra cittadinanza e popolazione studentesca, quali sono le istanze degli studenti e quali proposte la politica locale e le agenzie di servizi possono fare per offrire una risposta.”

Marzia Foroni - Direzione Generale per l'Università del MIUR

Marzia Foroni - Direzione Generale per l'Università del MIUR

Co-Chair della sessione "La città degli studenti"

More Posts - Website